Il museo

Un disegno del futuro museo dedicato a Carlo RambaldiIl museo Carlo Rambaldi sorgerà a Vigarano Mainarda (Ferrara) all’interno del nuovo plesso scolastico a lui dedicato.
Si tratta di una sala museale con accesso diretto dall’esterno e quindi completamente indipendente rispetto alla scuola primaria attigua.
Nelle immagini sotto si evidenzia la collocazione planimetrica della sala museale all’interno del plesso.

L’ingresso al museo avverrà attraverso una sorta di piazza coperta di snodo tra scuola museo e palestra, questo spazio‐filtro si caratterizzerà come una sorta di foyer dove i visitatori del museo si intratterranno prima della visita al percorso museale.

Una volta all’interno del museo ci si troverà in un’unica sala di forma irregolare di circa 300 metri quadrati suddivisa in 10 exibit.

L’allestimento museale, ancora in fase di progetto, sarà mirato alla valorizzazione dello straordinario percorso di Carlo Rambaldi dalle origini vigaranesi fino al sogno americano, autentico culmine della produzione a cui sarà dedicata la sala trapezoidale, unico appendice dello spazio museale.
Gli exibit saranno suddivisi in tre periodi, il periodo vigaranese (a sua volta suddiviso in 5 exibit), il periodo romano che va dal 1957 al 1975 (a sua volta suddiviso in 3 exibit) ed il già citato periodo americano, dal 1975 al 1994, suddiviso in 2 exibit e culminante con la realizzazione del sogno di una vita, E.T.
Gli exibit si concretizzeranno sostanzialmente in tre modi: con descrizioni scritte, con materiale iconografico (ad es. vecchie fotografie, schizzi originali di Carlo, articoli di giornale, ecc.) e con reperti originali molto suggestivi tra cui la mano di king kong e il volto di E.T. oltre ad una serie di personaggi in fase di studio ed a diversi attrezzi di lavoro quali tavolozze, aerografi, macchine fotografiche ecc.